• home
  • Scuola - Stage

Stage

L’ISCR offre la possibilità di effettuare uno stage presso i laboratori di restauro e scientifici.

Le richieste, corredate di un dettagliato curriculum, vanno indirizzate al Direttore dell’Istituto, arch. Gisella Capponi, in formato cartaceo (Via di San Michele, 23 - 00153, Roma) oppure via e-mail (is-cr.segreteria@beniculturali.it), specificando il settore cui sono destinate e il periodo di tempo.

L’Istituto si riserva di accettare o meno le richieste pervenute, di definire tempi e modalità di svolgimento degli stage, in base alle esigenze didattico - organizzative, alla disponibilità dei tutor e al numero delle domande pervenute al settore di competenza.

La durata dello stage è di tre mesi, salvo proroghe concordate con il responsabile del settore.

Di seguito, i documenti/dotazioni da presentare il giorno di inizio dello stage:

- polizza di assicurazione antinfortunistica e di responsabilità civile verso terzi a copertura dei rischi connessi all’espletamento dell’attività di restauro;

- certificato medico (in italiano o debitamente tradotto, non anteriore a sei mesi) che attesti l’idoneità fisica all’esercizio della professione di restauratore;

- certificazione di avvenuta vaccinazione antitetanica in data non anteriore ad otto anni a decorrere dalla data del soggiorno in Istituto;

- DPI (Dispositivi di Protezione Individuale): semi maschera facciale a due filtri, occhiali di protezione, scarpe antinfortunistica con livello di protezione.

 

Tutte le spese relative allo svolgimento dello stage (assicurazione, DPI, vitto, alloggio, ecc.) sono a carico dello stagista.

 

Per gli stage nei laboratori di restauro è richiesta, oltre a una conoscenza di tipo teorico-tecnico specifica, una buona preparazione pratica attinente le metodologie applicative del settore per cui si è presentata domanda.

Agli stranieri è richiesta la conoscenza base della lingua italiana.

Avranno "titolo preferenziale" le domande di stage provenienti dalle Scuole di alta formazione italiane ed estere, da Istituti di chiara fama nel campo della conservazione e del restauro, da studenti appartenenti all’ultimo anno di corso di Università/Accademie o percorsi didattico-formativi equivalenti alla SAF.

 

      English version

                                 

                                               Guidelines for Internship

 

ISCR offers the possibility to attend an internship in restoration and scientific laboratories.

The applications, accompanied by a detailed curriculum, should be sent to the Director of the Institute, arch. Gisella Capponi, by post (via di San Michele 23 00153 Roma) or by e mail (is-cr.segreteria@beniculturali.it), specifying the sector to which the applicant wishes to be admitted and the availability of the period.

The Institute will reserve the right to decide which applications can be accepted, defining when and how the internship will be carry out on the basis of the didactic organization and the numbers of applicants arrived at each sector.

The duration is three months, unless there will be the possibility to prolong the internship, according to the head of the sector.

 

The following documents must be presented on the first day of the internship:

  • Accident insurance covering all risks connected with restoration profession and third party liability
  • Medical certificate (in italian language or with translation) with no more than six months, showing the physical ability to carry out the profession of restorer
  • Certificate of antitetanic vaccination with validity not more than eight years from the beginning of the internship
  • D.P.I. (individual protection equipment) half-face mask with two filters, protective glasses, shoes with protection.

 

All fees regarding the internship are to be paid by the attendant (insurance policy, individual protection equipment, food, accommodation and so on).

To attend an internship in a restoration laboratory is requested a specific technical-teoretic knowledge and a good preparation in practical methods of application.

Foreigners must have a basic knowledge of italian language.

There will be a preference for applications coming from italian and foreign high level conservation schools, for students attending the last year of academic or university courses in conservation or related to preservation of cultural heritage, for national and international associations and organisations working in the field of conservation and preservation of cultural heritage and for students belonging to didactic courses equivalent to our SAF.