• home
  • L'istituto - attività internazionale

Attività internazionale

L'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro svolge da anni un ruolo fondamentale nel campo della ricerca, della conservazione e del restauro a livello internazionale. E’ membro permanente del Consiglio Generale dell’ICCROM. Partecipa a numerosissimi progetti promossi dalla Commissione Europea e dal Comitato per il Patrimonio mondiale dell'UNESCO del quale è uno degli interlocutori privilegiati.

Una delle più importanti finalità perseguite nell'azione internazionale è quella della formazione permanente di tecnici che siano in grado di affrontare i problemi della conservazione e del restauro delle aree archeologiche, dei siti monumentali, dei complessi decorati e delle opere mobili esistenti nei paesi di appartenenza.
Alla consulenza tecnica fornita dall'Istituto negli specifici settori e al suo diretto intervento in restauri di particolare importanza e difficoltà si è così sempre più affiancata l'attività della formazione con l'organizzazione di corsi, di centri per il restauro, di laboratori scientifici. Fra gli esempi più recenti si possono citare il Malta Centre for Restoration con un' istituzione di una Scuola di durata quadriennale, dal 2001 a livello universitario, o il Centro di restauro di Xi’an in Cina (anni 1990-1998) con l’organizzazione di un corso biennale per restauratori specializzati nel restauro della ceramica e dei metalli. 
Si è venuto così affermando un primato dell'Italia nel campo del restauro. 
L'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro, in particolare, è stato chiamato ad esportare il suo know-how a livello mondiale per la riconosciuta alta professionalità dei suoi tecnici e per gli esiti dei suoi interventi. 
Tra le principali collaborazioni in campo internazionale alle quali l'Istituto ha partecipato negli ultimi anni si possono segnalare:
• Algeria. Collaborazione con il Centro per il Patrimonio mondiale UNESCO (2003) per la creazione di un atelier-scuola sulla conservazione e il restauro dei mosaici di epoca romana presso il sito archeologico di Djemila, con attività di formazione di tecnici algerini 
• Argentina: (1999-2003) Corsi di formazione teorico-pratici per “Operatori nel campo del restauro architettonico” con cantieri didattici effettuati presso il teatro lirico Colon e l’Ex Istituto Biologico Argentino di Buenos Aires; 
• Afghanistan: (2005-06) Corso di formazione di base per operatori del restauro del Museo Archeologico dei Kabul, con training presso l’ISCR; 
• Cina: (1990-1998) realizzazione del Centro di Restauro di Xi’an in collaborazione con l'ISIAO; organizzazione di un corso biennale per restauratori specializzati nel restauro della ceramica e dei metalli. Collaborazione con la World Bank per la stesura di un master plan sul patrimonio culturale della provincia del Sichuan. 
• Cina: (2003-2005) Pechino, Città proibita. Padiglione della Suprema Armonia. Collaborazione al progetto di restauro coordinato dalla Direzione Generale per i Beni Archeologici e dalla Direzione Generale per i Beni Architettonici e il Paesaggio 
• Egitto: (2004-07) collaborazione con la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero affari Esteri per l’istituzione del Centro Nazionale Egiziano per il Restauro al Cairo e di Corsi di restauro al Museo Egizio. 
• Giappone: (2001-2002) partecipazione alle manifestazioni “Italia in Giappone” 
• India; (2005-07) consulenza per la conservazione delle grotte dipinte di Ajanta e dei bassorilievi delle grotte di Ellora; 
• Iraq: (2003-2004). Progetto per il restauro del Palazzo di Sennacherib a Ninive promosso dalla Direzione Generale per i Beni Archeologici e dall'UNESCO.
• Iraq: (2004) consulenza promossa dalla Direzione Generale per i Beni Archeologici per la creazione di un laboratorio di restauro presso il Museo Archeologico di Bagdad
• Kosovo: (1999-2002) restauro della Moschea Bajrakli, nel centro storico di Pec/Peja, semidistrutta durante le recente guerra dei Balcani, in collaborazione con la ONG Intersos; primi interventi conservativi sui dipinti murali del patriarcato di Pec/Peja. 
• Malta: (1998-2003) collaborazione all’Istituzione del Malta Centre for Restoration - Restauro della Cappella d'Italia nella Cattedrale di La Valletta dipinta da Mattia Preti 
• Maghreb: (1999-2001) organizzazione di corsi di formazione, in collaborazione con l’ICCROM, per funzionari tecnici marocchini, algerini e tunisini, per l'insegnamento dei principi e delle metodologie attinenti un progetto di restauro. 
• Messico: (2003) consulenza per la scuola di formazione per docenti in Scienza per la conservazione e per il restauro dei dipinti murali a Guadalajara. 
• Portogallo - (1996-1999) Progetto di collaborazione italo-portoghese: cantiere didattico con la partecipazione di restauratori ed allievi portoghesi per il restauro della volta della sacrestia della Chiesa della Nostra Signora di Loreto a Lisbona dipinta da Antonio Machado Sapeiro(1702).
• Serbia: (2003-2007) supervisione dei corsi di aggiornamento per i tecnici dei musei di Belgrado; supervisione agli interventi conservativi sui dipinti murali del Patriarcato di Pec e della Chiesa del S. Salvatore nel monastero di Decani (Kosovo); collaborazione con la Direzione Generale Cooperazione Sviluppo per la costituzione dell’Istituto serbo per il Restauro; 
• Siria: (1985-2003) restauro del Monastero di San Mosè l'Abissino presso Nebek: anni '90 cantieri didattici per allievi siriani. Programma di formazione di operatori per la salvaguardia del patrimonio culturale siriano. Corso di aggiornamento tecnico-scientifico per i tecnici del Museo Nazionale Archeologico di Damasco. 
• Turchia: (1987-2004) Restauro e conservazione dei dipinti murali ad Arslantepe (Malatya) e progetto di copertura dell’area archeologica in collaborazione con l’Università “La Sapienza”, Dip. Scienze Storiche Archeologiche Antropologiche dell’Antichità.

L'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro partecipa inoltre a numerosi progetti internazionali di ricerca nel campo della conservazione e della formazione:
• Progetto europeo AHAC: Architectural Heritage and Crafts, a conservation programme for craftsmen (1996-1999)
• Ricerca comparata CONBEFOR: Conservatori-Restauratori di Beni Culturali in Europa: centri ed istituti di formazione (1998¬ - 2000)
• Progetto europeo CRISTAL: Conservation Restoration Institutions for Scientific Terminology dedicated to Art Learning Network (1999-2000) 
• Progetto europeo MEMOIRE: La Memoire Vivante de la Restauration (2000 - 2002)
• Progetto europeo LMCR: Lessico tecnico multilingue - Conservazione e Restauro-Dipinti su tavola (2002-2003)